Le mani degli uomini

mani

Le osservo parecchio, le mani degli uomini.
Mi sembra di vedere i pensieri materializzarsi
nelle dita incrociate,
nei palmi che si sfregano,
nei dorsi che fanno da mensola a considerazioni pesanti.

Mani ansiose che si toccano le ginocchia
Mani delicate che spiegano concetti,
Mani dure e callose
che creano e si arrampicano.

Mani precise che sfiorano una tastiera,
mani che sfogliano pagine leggere,
che creano mondi con una matita,
o toccando qualche corda.
Mani che rovistano
oppure delicatamente ripongono.

Io le guardo, e intanto cerco di capire
se come quelle di mio nonno
mi tireranno forti sulle spalle,
o se mi accarezzeranno delicate la fronte
come quelle di mio padre.

Se mi solleveranno
come quelle del mio primo amico,
se saranno curiose come quelle del mio primo ragazzo,
o piuttosto saranno richiuse nel pugno innocuo e frustrato
dell’ultimo.

Ma soprattutto mi chiedo
se saranno caute perchè mi desiderano,
se saranno distanti perchè disinteressate,
se saranno avverse per instaurare un dominio,
o troppo vicine perchè semplicemente non si domandano
cosa voglio io.

Published by silvialazzaris

Italian writer based in the UK.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s