Will Ita – I paesi che si sentono speciali gestiscono peggio la pandemia

L’antropologa medica americana Martha Lincoln ha proposto sulla rivista scientifica Nature che per giudicare la prontezza di un paese nel fronteggiare una pandemia, sarebbe importante chiedersi se quel paese abbia una visione “eccezionalista” di se stesso.⁣

I paesi eccezionalisti vedrebbero se stessi come anomali, speciali, e in qualche modo superiori alle altre nazioni. Questo li renderebbe meno capaci di imparare dalle migliori pratiche di altre nazioni con conseguenze peggiori per la salute pubblica in caso di pandemie.⁣

Lincoln porta sia esempi di paesi che hanno visioni eccezionaliste di se stessi, come gli Stati Uniti, l’Inghilterra e il Brasile, da mesi in testa alle classifiche mondiali per numero di casi e morti da coronavirus. Dall’altro lato, porta invece esempi di paesi che hanno affrontato la pandemia con più umiltà, come Vietnam, Thailandia, Corea del Sud, Singapore, Nuova Zelanda e Australia. Lì, il contagio è rimasto sotto controllo.⁣

Una riflessione sicuramente interessante per analizzare il comportamento dei leader politici, ma dobbiamo fare attenzione a non generalizzare, per non ridurre un intero paese all’arroganza del suo presidente.

Published by silvialazzaris

Italian writer based in the UK.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s